SENZA DUBBIO IL MODELLO “IBRIDO” RAPPRESENTA IL FUTURO

MATTEO PITTALUGA – CEO/FOUNDER Marketing Genius | ALLINNERS LLC

1.

Ultimamente ci sono tanti corsi di social media marketing, che lo presentano in una maniera spaventosa. Nei suoi corsi invece sembra una cosa semplice e fattibile. E’ davvero così? Può qualsiasi tipo d’impresa promuovere il suo business in Internet con successo?

Assolutamente sì! Ormai seguo attivamente il mondo del marketing digitale da 10 anni e con l’esperienza mi sono reso conto che sono proprio le strategie più semplici quelle che funzionano meglio. Nel mondo del marketing digitale ci sono così tanti strumenti e piattaforme che escono fuori ogni giorno e tutto questo ci porta a vederlo come un mondo complesso, tecnico, difficile da capire per chi parte da zero. Quello che cerco di fare io allora è identificare quali sono le strategie che funzionano veramente e insegnare ai miei studenti e fare poche cose ma fatte veramente bene. Alla fine tutto quello che basta per vendere online è un sito web ben organizzato e 1 annuncio pubblicitario vincente, solo con queste due cose letteralmente qualsiasi azienda può iniziare a generare contatti di clienti e vendere su internet!

2.

Come possiamo capire le nuove esigenze dei nostri clienti?

Sai qual è il modo più facile di capirlo sul web? Buttare fuori contenuti e vedere come reagiscono le persone! Io spesso lancio annunci pubblicitari semplicemente per fare delle prove, a volte senza nemmeno avere un prodotto da vendere ma solo per testare come risponde il pubblico di internet. Faccio attenzione ai commenti, alle condivisioni, ai like e faccio presto a capire quando c’è un chiaro interesse per un prodotto o servizio. Un altro modo è proprio chiedere ai clienti esistenti perché hanno comprato, cosa vedono di diverso nel nostro prodotto e cosa vorrebbero vedere di più… le idee migliori vengono sempre da loro!

3.

Se decidiamo di affidare il social media marketing ad una società esterna o assumere un specialista nell’azienda, quali dovrebbero essere i nostri criteri per la scelta?

Più che le competenze tecniche che si possono sempre imparare, secondo me l’interesse da parte di un Social Media Manager per il nostro settore è la cosa più importante. La seconda è senza dubbio la voglia di essere parte dell’azienda e di crescere insieme, cercare persone che vogliano essere parte attiva nel progetto e non semplici collaboratori indipendenti. Servono persone con la fame di crescere, la voglia di fare la differenza all’interno del progetto e che riescano ad apportare nuove idee ogni giorno.

4.

Sembra che tutto il mondo, tutto il business, si “sposti” online. O diventa “ibrido”. Vediamo anche la controtendenza – i giganti IT come Google e Apple aprire negozi fisici. Cosa sta succedendo?

Senza ombra di dubbio il modello “ibrido” rappresenta il futuro e te lo dice una persona che lavora online in smart working da anni. Mi sono reso conto che per quanto possa essere bello e comodo internet prima o dopo per qualsiasi azienda c’è bisogno di creare interazioni umane tra le persone, sia tra i clienti che tra i membri del team. L’online infatti non è sufficiente a collegare le persone, per creare rapporti durevoli, fiducia e fidelizzazione è essenziale avere dei luoghi fisici dove clienti e staff si possono incontrare e conoscere. Il futuro infatti per me è riuscire a connettere le persone online e poi portarle offline in qualche modo attraverso negozi fisici, eventi e meeting.

5.

Nei suoi video lei parla molto di MINDSET. Quale è il suo ruolo per il successo dell’impresa?

Il MINDSET è il 50% del successo che nessuno realmente considera. Troppe volte ho visto persone arrivare ai primi successi e poi rapidamente vedere crollare tutto davanti a loro. Altre volte ho visto persone con un enorme potenziale che però non riuscivano a sbloccarsi, eliminare le credenze limitanti e fare qualcosa di concreto con il proprio business e la propria vita. Per questo motivo all’interno di tutti i miei corsi il MINDSET ha un ruolo fondamentale, tanto quanto i contenuti. Le persone hanno bisogno di ritrovare autostima, imparare a dominare la sfera delle emozioni e saper gestire e affrontare le difficoltà, queste sono cose che non impari a scuola ma che fanno una differenza enorme sul successo a lungo termine e trovo che debbano essere insegnate in qualsiasi percorso di formazione.

www.matteopittaluga.com

 

 

5 DOMANDE >>

Commenti

be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai a TOP