Spaziopoesia

Io che credevo il tempo drappeggio intorno a me eterno centro le pieghe offrire inesauribili scorte di memoria Pareva universale la tela spiccata dal nulla lineare divino un capo umanizzato l’altro Invece affiorano povere trame sparse sogni espulsi dalla notte schiume come se al nulla tutta l’animazione rifluisse Il presente minima giuntura su cui ogni […]

Continua a leggere
Vai a TOP