JOINT VENTURE INTERNAZIONALI
PER ELIMINARE LE BARRIERE

Rustem Zakirov, Kazan, Repubblica del Tatarstan, RUSSIA

L’AZIENDA

La mia società si occupa di fornitura, installazione, riparazione e manutenzione di meccanismi di sollevamento (gru). Lavoriamo per Kamaz, Gazprom, Lukoil e altre imprese in Russia.

 

IL SUPPORTO

Nonostante il fatto che lo stato abbia annunciato tutti i tipi di misure a sostegno delle imprese, la nostra azienda non ha ricevuto sostegno, nonostante che abbiamo applicato due volte. Inoltre, in base a contratti precedentemente conclusi, abbiamo dovuto lavorare in condizioni di quarantena in altre regioni della Russia, dall’isolamento preliminare del personale prima di partire per la struttura e durante la partenza, cioè direttamente presso la struttura, il personale è stato messo in quarantena per due settimane e anche per un mese. In più, alcuni membri del personale sono stati ricoverati in ospedale per il trattamento del Covid.

Kasan, la capitale di Tatarstan

LE AZIONI

Non esiste una “ricetta” universale! Vorrei chiudere temporaneamente, ma questo non è possibile secondo la legge russa. Allora cosa abbiamo fatto: riduzione del personale + chiusura di alcune aree di attività e ricerca di nuovi progetti. Non è realistico ricevere un prestito bancario da noi in Russia per le piccole e medie imprese, e se è reale, allora solo se c’è un giro d’affari buono e sicuro, cosa è ora impossibile con le attuali restrizioni.

Se consideriamo le possibili opzioni per il passaggio della crisi covid, allora penso che questo sia possibile quando si creano “joint venture internazionali” al fine di eliminare le barriere interstatali e le barriere associate alle restrizioni covid.

 

Ancora sulla città di Kazan: qui.

Kasan, la capitale di Tatarstan

 

LA CRISI COVID. IMPRENDITORI DEL MONDO RACCONTANO.

a cura di milano-sofia.com

 

Commenti

be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai a TOP