Felice Ghidoli, fondatore

TELERIE GHIDOLI, OLTRE 140 ANNI
AL SERVIZIO DEI MILANESI

Un punto di riferimento per clienti di molte generazioni. Fra questi, anche
la Scala e la Rai

L’atto ufficiale di nascita delle Telerie Ghidoli risale al 1879: oltre 140 e passa anni di autentica storia milanese. È in Piazza Fontana che le Telerie si trasferiscono da Largo Crocetta e aprono le loro prime vetrine di fronte alla fontana del Piermarini.

Il primo negozio

L’insegna di quegli anni recita: Felice Ghidoli – Telerie. Da subito il catalogo degli articoli in vendita è lungo e variegato: sul frontespizio del listino prezzi si legge: “Forniture d’alberghi, Collegi, Ospedali, ecc. Corredi per sposa e neonati.”

In breve, le telerie divengono un rinomato e sicuro punto di riferimento per la borghesia milanese e le famiglie dell’hinterland, mentre al fondatore succedono i figli Mario e Vittorio e la ditta diviene Telerie Ghidoli dei fratelli Ghidoli.

Alcuni riconoscimenti per la qualità delle forniture

Mario nel 1933 trasferisce il negozio nel nuovo palazzo all’angolo di via Arcivescovado, costruito insieme alla Veneranda Fabbrica del Duomo su progetto dell’arch. Zacchi. È il primo edificio di Milano in cemento armato. Dopo la guerra i figli Felice e Gianbruno affiancano il padre Mario, la ditta è trasformata in Società a responsabilità limitata e ottiene la concessione del titolo di “Fornitore Pontificio e della Casa Reale”, con la facoltà di utilizzare le rispettive insegne.

Il mercato muta velocemente, si afferma la grande distribuzione, nella biancheria il colore e la stampa seguono le tendenze moda.  Ghidoli risponde con una specializzazione sempre più marcata e con i tessuti per arredamento e tendaggi. Clienti sono anche allestitori, confezionisti, tappezzieri, sartorie teatrali, la Scala e la Rai. Ma il core business resta la personalizzazione delle confezioni per la clientela privata: dalle nonne alle nipoti. Lenzuola di lino, di seta, coperte di cammello e di cashmere, piumini d’oca, asciugamani e accappatoi, ricami e confezioni su misura. Negli anni novanta il tabulato delle referenze misura 10 metri e 20 centimetri.

Negli anni ’80 entra in azienda la quarta generazione: Claudio e Stefano, Raffaele e Roberto. A loro si deve la profonda ristrutturazione e ampliamento della storica sede: 5 piani di vendita più uno di uffici e magazzino. Contemporaneamente la società divenuta SpA inizia la produzione di articoli propri contrassegnati dal brand “Milano 1879”.

L’interno del negozio, oggi

“Nel 2001 la sede viene trasferita in una zona più periferica, ma sempre significativamente ‘milanese’, di fronte alla quattrocentesca Villa Simonetta – ricorda Claudio Ghidoli -, ma Milano cresce e si modernizza, apre i cantieri di M4 e Ghidoli si trova intrappolato e quasi irraggiungibile. Nel 2012 si trasloca nella sede attuale, centrale, visibile e ben servita dai mezzi pubblici, sempre accanto a un significativo monumento della storia cittadina, a due passi dalla Ca’ Granda, di fronte alla Rotonda della Besana”. Qui secondo tradizione entrano ancora ragazze e giovani signore, “mi ha detto mia mamma di venire” e anche “mi ha consigliato la nonna” perché il servizio – possibile consultare il sito www.ghidoli.it per avere un’idea delle proposte – è sempre quello di sempre: premuroso, competente, capace di risolvere piccoli e grandi problemi, di suggerire la soluzione migliore.

Commenti

be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai a TOP