Foto: BritishCounsil®

ENGLISH ONLINE DEL BRITISH COUNCIL

La lingua inglese sempre must have nell’ambito lavorativo, ma non trascuriamo l’italiano

Secondo il British Council – l’ente ufficiale britannico di riferimento in Italia e nel mondo per la formazione linguistica e culturale grazie ai suoi oltre 80 anni di esperienza – il 2021 rappresenterà l’anno del consolidamento delle buone pratiche apprese lo scorso anno – si legge in un comunicato stampa -, con il digitale a porsi da abilitatore nell’accesso agevolato e più immediato alle risorse formative, anche linguistiche, di interesse.

“Per il 2021 prevediamo di assistere a un crescente ricorso a canali e modalità di formazione e auto-formazione per vie digitali. È una realtà che si è dimostrata nuova per molti, seppur necessaria alla luce dell’emergenza verificatasi. Nel nostro caso si è trattato di ampliare l’offerta già esistente del modello English Online del British Council – prosegue la nota – che si rivolge in particolare a un target adulto e per questo orientato a offrire la maggiore flessibilità possibile per andare incontro a ogni specifica esigenza di apprendimento – in tempi e modi compatibili con le loro disponibilità di fruizione e di accesso alle nostre risorse secondo lo stile di vita unico di ognuno” ha dichiarato Ian Frankish, Teaching Centre Manager dell’ente britannico.

La lingua inglese è ancora oggi una lingua franca in ambito lavorativo e resta un must-have a cui anche nel prossimo futuro sarà difficile rinunciare”, aggiunge sempre il comunicato.

Tutto chiaro, tutto lodevole, il British Council conferma il proprio alto livello di diffusione della lingua e della cultura inglese. C’è purtroppo da segnalare la trascuratezza che taluni evidenziano nella conoscenza della lingua madre, l’italiano. Preoccupa il cosiddetto analfabetismo di ritorno, che coinvolge circa il 30% della popolazione, l’8% dei laureati (!), ovvero senz’altro anche manager che non sanno scrivere un messaggio o predisporre una relazione. C’è da chiedersi come costoro possano apprendere in maniera sufficientemente corretta un idioma straniero per poi utilizzarlo, tanto nell’orale quanto nello scritto, senza incorrere in clamorosi strafalcioni. E se permane la negligenza verso l’italiano, ci sarà sempre una distanza con gli interlocutori stranieri dovuta a un tentativo più che incerto di trasferire un pensiero in una lingua straniera. L’inglese, prima di tutto. Mala tempora currunt per le aziende, i professionisti, le associazioni d’impresa ove l’italiano sia trascurato. Qualche corso sulla lingua madre non guasterebbe, anzi sarebbe di grande utilità per i vari soggetti sopra menzionati che potrebbero poi apprendere un’altra lingua con maggior sicurezza.

Commenti

be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai a TOP