LA PRODUZIONE DELL’INDUSTRIA BULGARA CRESCIUTA DEL 15,1%

A maggio 2021, la produzione industriale in Bulgaria è cresciuta del 15,1% rispetto a maggio 2020, si legge nell’ultimo rapporto mensile sull’economia bulgara pubblicato giovedì dal ministero dell’Economia. La crescita ha continuato ad essere trainata dalla produzione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi, di macchinari e attrezzature e di prodotti in metallo.

Il rapporto, elaborato dal Dipartimento di Politica Economica e Finanziaria, presenta gli ultimi sviluppi dei principali indicatori macroeconomici sulla base dei dati statistici al 16 luglio, riferisce il sito bulgariaoggi.com.

A maggio 2021, anno su anno, il fatturato industriale dall’esportazione di metalli di base e beni energetici in aumento, mentre
la fornitura di energia elettrica, gas, vapore e condizionamento ha contribuito maggiormente alla crescita del fatturato interno
. La crescita della produzione edilizia ha subito un significativo rallentamento ed è stata registrata una flessione nell’edilizia. Allo stesso tempo, la crescita del fatturato del commercio al dettaglio è stata del 24 per cento, con un contributo crescente della vendita al dettaglio di alimenti, bevande e tabacco.

Secondo i dati dell’Agenzia nazionale per il lavoro, i disoccupati iscritti a fine giugno erano 170.716, analogamente allo stesso mese del 2018 e del 2019, minimo storico finora per questo parametro. Gli analisti del ministero delle Finanze si aspettano che a luglio prosegua il trend discendente della dinamica dei disoccupati iscritti, seguito da un’inversione di tendenza nei mesi autunnali, dovuta soprattutto a fattori stagionali.

L’aumento dei prezzi internazionali ha continuato a spingere verso l’alto la crescita nominale degli scambi con le merci in aprile. Le esportazioni e le importazioni sono aumentate rispettivamente del 49,6 per cento e del 56 per cento, da aprile 2020. Il commercio con l’UE ha fornito il contributo più elevato alla crescita nominale.

Il debito estero lordo – conclude la nota di bulgariaoggi.com –  ha raggiunto il 59,1 per cento del PIL previsto a fine aprile. È aumentato di 0,5 punti percentuali rispetto al mese precedente, trainato principalmente dall’aumento   del credito bancario a breve termine.

 

Commenti

be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai a TOP