PAGINE SCELTE DAL FUTURO

*David Quammen   Il primo a utilizzare la matematica per studiare la dinamica delle epidemie fu Daniel Bernoulli, nato in Olanda e appartenente a una delle più celebri famiglie di matematici nella storia. Ciò avveniva nel Settecento, ben prima che le teorie microbiche delle malattie fossero comunemente accettate. Nel 1760, mentre insegnava all’università di Basilea, […]

Continua a leggere

Giorgio Brunetti *   La nostra società ha cavalcato una rivoluzione nei gusti, nei comportamenti e nei costumi, trainata essenzialmente dal progresso tecnologico. Il filosofo Emanuele Severino ha denunciato il fatto che l’epoca delle ideologie è oramai tramontata e che siamo entrati nell’era della tecnologia. La ICT ha sconvolto il mondo, determinando profonde innovazioni in […]

Continua a leggere

Giordana Taggiasco*   Innovare ad ampio spettro non è sufficiente. Il presupposto è che l’impresa si apra all’esterno e adotti approcci “allargati” nei confronti delle relazioni con il proprio ambiente di riferimento che può trasformarsi in una grande opportunità di sviluppo per quelle imprese che sapranno valorizzare e comunicare i punti di forza del “Made […]

Continua a leggere

Emanuele Felice * Nell’interpretazione che ne offre il liberalismo, il Principe di Machiavelli non è l’uomo solo al comando (come in gergo si suole dire), ma il politico accorto e lungimirante, consapevole dei rischi di una deriva populista della democrazia, il quale governa con l’ausilio di una classe dirigente leale e preparata, formatasi nelle istituzioni […]

Continua a leggere

Clair Brown * I climatologi e gli economisti liberisti danno risposte assai diverse al quesito: “Che cos’è la sostenibilità?” Questa domanda in pratica significa: l’odierna qualità della vita può essere pari, o addirittura superiore, per le generazioni future? Gli economisti liberisti hanno adottato il concetto di sostenibilità debole, secondo il quale l’uomo può liberamente sostituire […]

Continua a leggere

*Emanuele Severino   Comunque la si giudichi, l’istituzione dell’euro senza un governo europeo è stata uno scacco della politica. Un’analoga emarginazione della politica venne favorita da episodi quali il verticismo Merkel-Sarkozy, che molto probabilmente aveva intenti elettorali, ma sicuramente proponeva un governo economico e non politico dell’Europa. Ma altro è l’agire economico (imprenditoriale, finanziario) del […]

Continua a leggere
Vai a TOP