Dal software Consento innovazioni in campo medico

Creato in Bulgaria, soddisfa diverse esigenze. Utilizzo nel Covid-19

Sempre più ospedali e centri medici in tutto il mondo utilizzano software per organizzare e gestire il proprio lavoro. Come in molti altri settori, la crisi Covid-19 ha messo in luce l’importanza della presenza digitale in medicina. Durante il lungo isolamento, le consultazioni remote hanno dato a migliaia di pazienti la possibilità di non perdere il contatto con i loro medici e molte delle innovazioni che la pandemia ha accelerato rimarranno permanenti nella pratica.

Abbiamo incontrato il team della società di software bulgara Camplight, che sviluppa applicazioni software specializzate per gli ospedali. Alcuni dei loro prodotti sono già utilizzati con successo in strutture sanitarie in Italia, Bulgaria e Stati Uniti. Uno di questi è il software Consento, che può essere adattato per il lavoro di grandi ospedali e centri medici, nonché per la pratica di singoli specialisti.

Naska Yankova illustra qui di seguito cosa sia esattamente il software Consento e perché sia ​​prezioso per l’organizzazione e la gestione del lavoro nelle strutture sanitarie.

Il software è un sistema complesso che soddisfa le esigenze di diversi tipi di utenti coinvolti nelle attività dell’istituzione medica. Le principali funzionalità sono il mantenimento dei profili dei pazienti e dei medici, il mantenimento di una cartella clinica digitale per i pazienti, la creazione e la gestione di programmi di lavoro per i medici, la prenotazione online e telefonica degli orari degli esami, le consultazioni online (scritte e video), la gestione delle apparecchiature in centri ospedalieri. Le informazioni nel sistema sono centralizzate e digitalizzate e questo supporta notevolmente il lavoro nei centri medici – offre un rapido accesso a vari tipi di informazioni (dati personali, dati medici), consente la comunicazione remota, un servizio più semplice per un numero maggiore di utenti, per facile sincronizzazione delle informazioni”.

Il software fornisce ai medici un rapido accesso a tutte le informazioni sui pazienti (trattamenti, farmaci), consente loro di monitorare digitalmente il processo di trattamento e i suoi risultati, di condurre consultazioni da remoto, di utilizzare un’applicazione mobile per l’accesso in qualsiasi momento e luogo”.

I pazienti hanno l’opportunità di accedere rapidamente e facilmente a tutte le opzioni per la consultazione e il trattamento in ospedale, hanno accesso agli orari di tutti i medici in una forma chiara e concisa, possono prenotare un appuntamento online, possono comunicare in remoto con il personale medico, a ricevere consultazioni scritte e video, accedere rapidamente e facilmente alle proprie cartelle cliniche digitali e alle prescrizioni elettroniche, mantenere un profilo familiare attraverso il quale amministrare le consultazioni e i profili di tutti i membri della famiglia”.

“Gli archivi di informazioni sono archiviati in database e file. La conservazione dei dati è conforme alle leggi e ai requisiti del Paese in cui verrà utilizzato il sistema, nonché con il GDPR. Dai dati accumulati, è possibile generare molti report diversi da utilizzare per scopi scientifici e di ricerca. Il software è progettato e costruito per supportare il funzionamento di più centri medici remoti e l’uso centralizzato e l’analisi dei dati. Il sistema può essere configurato in base alle esigenze della pratica medica in cui viene utilizzato, in modo che possa essere utilizzato sia da singoli medici che da grandi istituzioni mediche. È progettato secondo le migliori pratiche in materia di sicurezza e protezione dei dati e soddisfa gli standard di sicurezza”.

“Con lo sviluppo delle tecnologie digitali – conclude la dottoressa – e la loro implementazione in un numero crescente di settori, il software medico occuperà un posto rilevante nell’assistenza sanitaria. La possibilità di un accesso rapido e semplice ai servizi medici, nonché il miglioramento del lavoro degli istituti sanitari, contribuirà a trasformare l’assistenza sanitaria reattiva in assistenza preventiva.

Commenti

be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai a TOP