LA “DIVINA COMMEDIA” NEI GIOIELLI DELL’ARTISTA DIEGO PERCOSSI PAPI

L’Ambasciata italiana a Sofia e l’Istituto Italiano di Cultura in Bulgaria, in collaborazione con la Galleria nazionale, presentano per la prima volta le opere del maestro orafo romano

La raffinatezza dello stile; la rivisitazione storica accurata; l’utilizzo di materiali antichi: tutto questo caratterizza la produzione di Diego Percossi Papi, artista-scultore-orafo che ora presenta alcune sue realizzazioni alla Galleria nazionale di Sofia, realizzazioni dedicate a Dante Alighieri. L’iniziativa si colloca nell’ambito dell’Italian Design Day 2022, una rassegna di eventi di promozione che l’intera rete diplomatico-consolare italiana realizza in tutti i Paesi del mondo con l’obiettivo di promuovere all’estero l’eredità artistica e culturale italiana. La mostra sarà esposta presso la Galleria Nazionale a Sofia fino al 30 aprile 2022.

Nella mostra “Il Prezioso cammino di Dante. La Divina commedia nei gioielli di Diego Percossi Papi” il maestro illustra il percorso di Dante Alighieri nella Divina Commedia attraverso magnifici gioielli e oggetti d’arte. Caronte, il Minotauro e le Erinni con forme inquietanti e ricchissime introducono l’Inferno, ove  l’invidia, la rabbia e l’avidità rappresentano i vizi capitali più temuti. Nel Purgatorio e nel Paradiso trionfa via via la luce, e le realizzazioni, gioielli e miniature, brillano. Creazioni artistiche e oggetti preziosi, contemporanei e antichi, fanno risaltare l’assoluta attualità di quest’opera. L’atelier di Diego Percossi Papi, dove lavora tutta la sua famiglia, ha preparato la mostra dedicandovi quasi due anni.

Da sinistra a destra: la direttrice della Galleria nazionale Yaroslava Bubnova, l’ambasciatrice d’Italia a Sofia Giuseppina Zarra, Diego Percossi Papi, Teodora Batilova.

“Ho voluto fortemente questa mostra nonostante le difficoltà dovute alla pandemia, per concludere l’anno di Dante a 700 anni dalla sua morte”, ha detto l’ambasciatrice d’Italia a Sofia Giuseppina Zarra  durante la conferenza stampa di presentazione, “perché in questa mostra è racchiuso simbolicamente il genio italiano, fatto di intuizioni, idee originali, sapienza antica, cultura ed esperimenti, amore per il bello e grande capacità artigianale.”

Diego Percossi Papi nasce nel 1948 a Roma, dove tuttora vive. Inizia la propria carriera a soli vent’anni mentre frequenta la Facoltà di Architettura. Percossi Papi ha presentato mostre personali, tra gli altri, presso Palazzo Venezia a Roma, al museo Etnografico di S. Pietroburgo, al Palazzo Baciocchi Bonaparte a Lucca e nell’Abbazia di Neumünster in Lussemburgo.

A sinistra, un gioiello del maestro orafo, a destra Diego Percossi Papi nel suo studio romano.

Nell’atelier romano accanto al Pantheon ove il Maestro Percossi Papi lavora, sono stati realizzati gioielli per i film “Assassinio sull’Orient Express” di Kenneth Branagh (2017), “La masseria delle allodole” di Paolo e Vittorio Taviani (2007), “Alatriste” di Augustin Diaz Yanes (2006), “Il mestiere delle armi” di Ermanno Olmi (2001), “Rossini – Rossini” di Mario Monicelli (1991); “Elizabeth: The Golden Age” di Shekhar Kapur (2007) e creazioni uniche per attrici come Penelope Cruz, Judi Dench, Michelle Pfeiffer, Sophia Loren, Jacqueline Bisset, Isabelle Huppert e Cate Blanchett.

www.ambsofia.esteri.it/ambasciata_sofia/it

 

Commenti

be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai a TOP