Maestro Ronen Nissan

LA GENTE HA ANCORA “FAME” DI NOTE CHE NASCONO SUL PALCO

Parla Ronen Nissan prima dei concerti del suo Vienna Tango Quintet a Vienna, Sofia e Plovdiv

Il Vienna Tango Quintet è un ensemble di musicisti classici che condividono una passione comune per la musica latinoamericana e in particolare, per il tango argentino. Il quintetto, guidato dal direttore, arrangiatore e chitarrista Ronen Nissan, ha avuto concerti in vari prestigiosi teatri in Europa. Nato a Tel Aviv, Nissan ha studiato musica a New York, ha lavorato in Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Italia, Spagna, Israele, Cina e Argentina. Per 15 anni è stato direttore musicale del Coro di Santo Stefano e dell’Orchestra da Camera, nonché direttore del coro della Sinagoga Principale di Vienna e assistente al Teatro dell’Opera di Vienna e alla New Opera Vienna. Il suo repertorio spazia dalla musica sinfonica e sacra alle opere di compositori perseguitati dai nazisti, passando per musica da film e persino progetti di tango. 

Maestro Nissan, su quali progetti si focalizza attualmente?

Sto lavorando come direttore e arrangiatore per un progetto di musica sinfonica ebraica del compositore israeliano Baruch Berliner. Mi preparo anche per una produzione di “Mozart e Salieri”, una piccola opera breve del compositore russo Rimsky-Korsakov. E infine, ma non meno importanti, gli spettacoli con il Vienna Tango Quintet in Bulgaria e a Vienna.

The Vienna Tango Quintet insieme al tenore colombiano Julian Henao

Il Vienna Tango Quintet è uno dei suoi progetti. Quando e come è nato?

Essendo un direttore d’orchestra di formazione classica, non avevo intenzione di iniziare un quintetto di tango. Tuttavia, ad una festa di tango a cui sono andato circa 9 anni fa, mi è stato chiesto se potevo accompagnare alla chitarra un cantante di Buenos Aires appena arrivato a Vienna. L’ho fatto e la reazione dei ballerini è stata fantastica. Così abbiamo iniziato a fare spettacoli regolarmente, aumentando il numero dei musicisti e creando un repertorio sempre più diversificato. L’attuale formazione con questo nome esiste dal 2014.

A febbraio Il Vienna Tango Quintet ha in programma due concerti in Bulgaria insieme al tenore colombiano Julian Henao. Perché la Bulgaria?

Come molti concerti che abbiamo fatto in passato, ad esempio in Spagna, Germania, Svezia o Turchia, gli spettacoli in Bulgaria sono nati da conversazioni personali con amici e colleghi che hanno espresso interesse a portare questa meravigliosa musica appassionata in Bulgaria, quindi con un direttore di Plovdiv (Opera di Plovdiv)  con il quale Julian Henao ha già lavorato in passato, e con un mercante d’arte di Sofia (Artwizard, si legge di più sulla nostra rivista )  siamo stati in grado di organizzare questi due eventi, che viviamo con grande emozione!

Come siete riusciti a continuare con il lavoro del quintetto durante la pandemia?

Prima di tutto, abbiamo impiegato il tempo per arrangiare e poi provare un intero nuovo programma, quello che stiamo portando in Bulgaria, un viaggio musicale in tutto il Sud America. Poi siamo anche riusciti a registrare un nuovo CD con Timna Brauer, cantante molto conosciuta in Austria nel campo del cabaret, della musica mondiale ed ebraica. E siamo riusciti a esibirci durante le estati del 2020 e del 2021, in Austria, Germania e persino in Polonia.

Secondo lei, quali saranno le prospettive per le arti musicali nei prossimi anni?

Se ho imparato qualcosa dalla pandemia, è non cercare di profetizzare e prevedere il futuro. Tuttavia, una cosa è già chiara: i concerti online non sono un sostituto adeguato ai veri spettacoli dal vivo. La gente ha ancora “fame” per l’arte eseguita sul palco, da attori, cantanti, musicisti, per le emozioni vissute durante tali presentazioni dal vivo, che si tratti di un’orchestra sinfonica classica o di un gruppo rock. E questo mi dà una grande speranza per il futuro dopo la pandemia.

 

www.ronennissan.com

La pagina Facebook dell prossimo evento del Vienna Tango Quintet a Sofia, Bulgaria

facebook

 

Commenti

be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai a TOP