Lagarde: le banche hanno bisogno di più donne leader

La presidente della Banca centrale europea ha affermato in un’intervista al settimanale francese “Challenges” che erano poche quelle presenti nell’alta dirigenza e che la pandemia di coronavirus aveva esacerbato il problema.

Christine Lagarde, la prima donna presidente della Banca centrale europea, si è lamentata del fatto che le 19 banche centrali della zona euro erano gestite da uomini e che lei e la sua controparte tedesca Isabel Schnabel erano le uniche donne nel consiglio di 25 membri della BCE.

Lagarde ha anche affermato che “la disuguaglianza di genere esiste ancora in termini di accesso al mercato del lavoro”, notando che il divario retributivo di genere è ancora del 13% tra i paesi ricchi nell’ Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OECD), “e il coronavirus ha esacerbato il problema”.

“Durante il lockdown le donne erano attive su tutti i fronti, costrette a lavorare mentre si prendevano cura dei propri figli, per non parlare della lotta alla minaccia della violenza domestica. Come in qualsiasi crisi economica, corrono un rischio maggiore di perdere il lavoro o di vedersi ridotti gli stipendi”, ha aggiunto Lagarde.

Da quando ha assunto il ruolo di guida alla BCE alla fine dell’anno scorso, Lagarde ha parlato ripetutamente di questioni di genere. A luglio ha affermato che le leader donne – tra cui il cancelliere tedesco Angela Merkel e il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern – stavano facendo un lavoro migliore nell’affrontare la crisi del coronavirus.

 

Commenti

be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai a TOP